Safari in Kenya – incontro con i “BIG FIVE”

Safari in Kenya – incontro con i “BIG FIVE”

27/12/2024 – 02/01/2025

Un viaggio Alle Falde del Kilimanjaro che vi farà conoscere e scoprire appieno le meraviglie che il Kenya può offrirvi.

La varietà del panorama lascia senza parole…

La maestosità della savana, le alte vette delle montagne e la giungla lussureggiante…intorno tutto è meraviglia

Safari nello Tsavo Est Kenya

Safari nello Tsavo Est Kenya – ph. Francesco Ciccotti

Elefante in Namibia - ph. Francesco Ciccotti

Elefante – ph. Francesco Ciccotti

Potrai immergerti fin da subito nelle riserve e nei parchi nazionali Amboseli, Tsavo est e Tsavo Ovest, per partecipare a safari emozionanti, guidati da esperti locali che conoscono ogni angolo del territorio e

accompagnati anche da me, che come fotografo professionista,

vi farò apprezzare le bellezze del territorio e del suo popolo nelle migliori condizioni di luce.

Ghepardo in Kenya - ph. Francesco Ciccotti

Amboseli Park Ghepard – ph. Francesco Ciccotti

Sarà possibile osservare da vicino i “Big Five” nel loro ambiente naturale

e assistere agli spettacoli più esclusivi della natura.

Dalla migrazione di milioni di gnu, che attraversano il fiume in cerca di pascoli migliori, fino alla siccità e alla vegetazione rada tipica delle savane africane.
Ti immergerai in totale sicurezza nella natura più selvaggia e ammirerai la bellezza dei paesaggi più singolari.

Gnu che si contendono il branco

Gnu che si contendono il branco – ph Francesco Ciccotti

Leone - ph. Francesco Ciccott_DSC2574 Lr LR x FB

Leonessa in assetto da caccia – ph. Francesco Ciccott

Il Kenya è anche ricco di tradizioni millenarie e abitato da tribù ospitali come i Maasai, che vivono in armonia con la terra. Potrai anche visitare i villaggi Maasai e scoprire le tradizioni di questo popolo incredibile.

Un incontro che ti lascerà il segno.

Villaggio Masai Amboseli Kenya

Villaggio Masai Amboseli Kenya – ph. Francesco Ciccotti

Villaggio Masai Amboseli Kenya

Villaggio Masai Amboseli Kenya

Villaggio Masai Amboseli Kenya

Villaggio Masai Amboseli Kenya – ph. Francesco Ciccotti

Mercato della Frutta Malindi Kenya

Mercato della Frutta Malindi Kenya – ph. Francesco Ciccotti

Programma giorno per giorno

Giorno 1

Arrivo all’aeroporto internazionale di Nairobi, pick up da parte dei nostri autisti e trasferimento presso l’Hotel.

Prima colazione inclusa.

Giorno 2

Partenza al mattino da Nairobi e trasferimento al verso il Parco Nazionale dell’Amboseli. Arrivo per pranzo al Lodge. Safari fotografico nel pomeriggio all’interno del Parco Nazionale dell’Amboseli fino
al tramonto.

Pranzo, cena e pernottamento in Lodge.

Giorno 3

Colazione, safari fotografico mattutino e rientro a pranzo al lodge. Possibilità, su richiesta, di una visita guidata in un villaggio Masai che si trova ai piedi del Kilimanjaro. Safari fotografico pomeridiano.

Pranzo, cena e pernottamento in Lodge.

Giorno 4

Dopo colazione, safari fotografico mattutino en-route e attraversando la meravigliosa Shetani Valley, una valle di circa 8 km completamente ricoperta di lava, ci dirigeremo verso il Parco Nazionale dello Tsavo Ovest. Arrivo per pranzo al
Lodge. Safari fotografico pomeridiano fino al tramonto e visita alle “Mzima Spring”. Rientro al tramonto al lodge.

Pranzo libero, Cena e pernottamento in Lodge.

Giorno 5

Colazione, safari fotografico mattutino en-route fino all’uscita del Parco e trasferimento alla volta del Taita Hills Wildlife Sanctuary, una riserva privata al confine con lo Tsavo ovest.
Arrivo per pranzo al lodge. Safari fotografico pomeridiano all’interno della Riserva Privata.

Pranzo, cena e pernottamento in Lodge.

Giorno 6

Sveglia di buon mattino e partenza per il Parco Nazionale dello Tsavo Est, che insieme allo Tsavo Ovest e’ uno dei Parchi Nazionali più grandi d’Africa e per questo con due ecosistemi completamente diversi. Questo, vi darà la possibilità di ammirare paesaggi che variano da piste di terra rossa, colline, e distese di pura savana. Arrivo per pranzo al lodge.
Safari fotografico pomeridiano fino al tramonto.

Pranzo incluso, Cena e pernottamento in lodge.

Giorno 7

Dopo colazione game drive all’interno del Parco Nazionale dello Tsavo Est. Uscita dal
parco, e trasferimento alla volta dell’aeroporto di Mombasa per il volo di rientro.

Vista la tipologia dell’itinerario programmato potranno esserci anche cambi di programma/percorso derivanti da eventi atmosferici o revoche di permessi.

PREZZI

  • Quota individuale di partecipazione in camera doppia: a partire da €1950,00
  • Supplemento singola: € 600,00
  • Ingresso ai parchi per persona: € 400,00

VOLO AEREO: da quotare al momento della prenotazione.

LA QUOTA COMPRENDE

valida per un minimo di 10 partecipanti

  • Trasferimenti come da programma.
  • Cinque giorni e Quattro notti di safari in auto Toyota Land Cruiser
    4×4 ad uso esclusivo.
  • Guida/Driver professionista locale certificata KPSGA parlante inglese e accompagnamento durante tutto il safari.
  • Aaccompagnatore fotografo per consigli e suggerimenti.
  • FLYING Doctor’s ( Servizio Ambulanza aerea AMREF)
  • Pensione completa nei Lodge , bevande escluse.
  • Acqua minerale durante i safari ed i trasferimenti.
LA QUOTA NON COMPRENDE

Tutto quanto non espressamente indicato ne “La quota comprende” ed in particolare:

  • Volo internazionale dall’Italia (se i biglietti sono presi in anticipo.
    incidono media c/a 700,00 € pp)
  • ETA per il Kenya (da fare on-line)
  • Assicurazione personale e polizza annullamento viaggio.
  • Lavanderia.
  • Supplemento singola e supplementi festivita’ Natale e Capodanno.
  • Bevande ai Lodge e durante l’extra lunch.
  • Mance nei lodges e campi e al driver.
Danza africana…cosa rappresenta?

Danza africana…cosa rappresenta?

L’Africa ha circa 1000 lingue diverse e probabilmente altrettanti stili di danza.

Gli stili di danza variano enormemente e così anche le definizioni di danza.

Ad esempio, tra gli Ibo, Akan, Efik, Azande e Kamba, la danza coinvolge musica vocale e strumentale, inclusa il tamburo; tra gli Zulu, Matabele, Shi, Ngoni, Turkana e Wanyaturu i tamburi non vengono usati, e talvolta chi li usa è disprezzato; mentre le tribù Namibiane Herero, Himba, Boshimani e Damara sono tra quelle che usano soltanto musica vocale e il battito delle mani.

Negli Stati Uniti e in altri paesi non africani, anche le concezioni della danza variano. Tuttavia, credo che sia possibile sviluppare una definizione generale: la danza è composta da sequenze intenzionalmente, ritmiche e culturalmente modellate di movimenti e gesti del corpo non verbali che non sono attività motorie ordinarie, il movimento ha un valore intrinseco.

E in Africa, la danza ha un significato molto maggiore che nella maggior parte dei paesi occidentali.

È un comportamento fisico.

Il corpo umano come strumento di danza rilascia energia attraverso le risposte muscolari agli stimoli.

È un comportamento artistico.

Ogni gruppo ha la propria estetica.

Damara che danzano - Ph. Francesco Ciccotti

Damara che danzano – Ph. Francesco Ciccotti

La danza è quindi significativa in termini di indulgenza sensoriale dell’esecutore o dello spettatore mentre risponde in un intervallo che va dall’insoddisfazione all’euforia e con l’aspettativa che in un particolare stile di danza i vari elementi – spazio, ritmo, dinamica – saranno riconoscibili.

Fino a poco tempo fa la danza africana raramente era un’arte fine a se stessa, ma era piuttosto utilitaristica:

“arte” per il bene della vita.

La danza africana è un comportamento culturale, determinato da valori, atteggiamenti e credenze di un popolo.

Danza cerimoniale di caccia dei Boshimani

Danza cerimoniale di caccia dei Boshimani – Ph Francesco Ciccotti

La danza africana si riferisce principalmente agli stili di danza dell’Africa sub-sahariana, molti dei quali si basano su ritmi tradizionali e tradizioni musicali della regione.

Gli stili di danza africana moderna sono profondamente radicati nella cultura e nella tradizione.

Molte tribù hanno un ruolo esclusivamente allo scopo di trasmettere le tradizioni della tribù; danze tramandate nel corso dei secoli, spesso immutate, con poco o nessuno spazio per l’improvvisazione.

Canti e danze facilitano l’insegnamento e la promozione dei valori sociali, la celebrazione di eventi speciali e le principali tappe della vita, l’esecuzione di storie orali e altre recitazioni ed esperienze spirituali.

La danza africana utilizza i concetti di poliritmo e di articolazione totale del corpo. Le danze africane sono un’attività collettiva eseguita in grandi gruppi, con una significativa interazione tra ballerini e spettatori nella maggior parte degli stili.

Donne + Bimbi Himba - ph. Francesco Ciccotti

 Donne Himba che danzano – ph. Francesco Ciccotti

Ogni tribù ha sviluppato il proprio stile di danza unico, suddividendolo in tre categorie in base allo scopo.

La prima è la danza religiosa, che secondo molte tribù favorisce la pace, la salute e la prosperità. Le danze religiose spesso coinvolgevano ballerini mascherati, che si esibivano sia come spiriti che come coloro che li placavano. La religione e la spiritualità hanno permeato ogni aspetto della vita africana tradizionale e continuano a influenzare la danza africana anche oggi.

La seconda è la danza griotica, ed era un tipo di danza che raccontava una storia. Prende il nome da griot, che è  un narratore tradizionale nell’Africa occidentale. Alcune danze griotiche venivano ballate solo dal griot della tribù; oggi le compagnie eseguono le stesse danze che un tempo erano esclusive del griot.

Il terzo tipo è la danza cerimoniale. Queste danze vengono eseguite in occasione di cerimonie come matrimoni, anniversari e riti di passaggio.

Tuttavia, molte danze non avevano un solo scopo.

Piuttosto, spesso c’era uno scopo primario, che si fondeva con molti scopi secondari.

La danza era molto importante per il mantenimento dello status di sovrano nella società tribale. Il colonialismo e la globalizzazione hanno portato allo sradicamento di alcuni stili di danza africana. Altri stili sono stati mescolati insieme o mescolati con stili di danza al di fuori dell’Africa.

In passato, la danza africana ha mandato in estasi alcuni poeti e artisti occidentali che ne restavano ammirati, mentre ha mandato molti missionari cristiani e altri colonialisti in uno stato di orrore.

“La forma estetica per eccellenza” per i primi, “l’espressione della turpitudine morale” per i secondi.

Donna Herero che danza - Ph. Francesco Ciccotti

Donna Herero che danza – Ph. Francesco Ciccotti

I primi osservatori europei del comportamento africano non consideravano la danza africana come una danza, perché non era il balletto classico o la danza popolare a ritmo di passi dei loro paesi d’origine. Percezioni e valutazioni sono ora più equilibrate.

Io nei miei viaggi resto sempre affascinato dalla Cultura e dalle Tradizioni Africane, e con l’occhio fotografico provo a documentare, registrare e testimoniare questa cultura antica che fa parte del nostro DNA, augurandomi così di evitare che se ne perda definitivamente traccia.

Danze Africane – reel di Francesco Ciccotti

ALLA RICERCA DI UN MONDO…non del tutto PERDUTO…

ALLA RICERCA DI UN MONDO…non del tutto PERDUTO…

Incontrare persone, cercare un contatto sincero…

sentire, toccare, vedere, comunicare nel senso di entrare in comunione è quello che desideriamo di più quando ci relazioniamo con gli altri e quindi anche quando viaggiamo, ma che allo stesso tempo, ci spaventa o ci è reso difficile, per vari motivi.

Qualsiasi sia il Paese che andiamo a visitare, l’argomento della conversazione o del contesto di relazione in cui ci troviamo, cerchiamo – che ne siamo consapevoli o meno – il “contatto umano”… in qualsiasi forma, in qualsiasi modo, purché sia un vero contatto un sentire veramente e profondamente l’altro.

La nostra instancabile curiosità di viaggiatori ci dà il permesso di entrare nella sfera d’influenza dell’altro.

Aprirci, diventare per scelta un pò più vulnerabili, un pò più morbidi anche con noi stessi, ci rende fratelli, più simili.

Ci fa sentire di appartenere, ci fa sentire un pò meno soli e meno isolati…

Appartenere tutti allo stesso mondo, che ha abitudini e costumi diversi, ma che ci rende sempre molto simili per le principali esigenze e bisogni terreni.

Incontrare persone dalle sembianze così diverse, è sempre una grande sfida rivolta alle nostre abitudini e ai nostri condizionamenti, paure e pregiudizi…

e nonostante la nostra enorme curiosità verso “l’altro”, siamo comunque, troppo spesso pronti a boicottare i sentimenti che proviamo, razionalizzando motivazioni e giustificazioni che non fanno altro che fare il gioco del nostro incontenibile: “ego”.

Cercare il contatto, però, è e rimarrà sempre un bisogno umano, un desiderio verso il manifestare l’amore puro, l’amicizia e la fratellanza; un qualcosa di pulito, di onesto, di vero.

Aprirsi…e lasciar entrare la brezza della vita, è nutrimento…perché non si vive di solo cibo.

Attraverso la “comunione” nutriamo il nostro essere e quello delle persone incontrate.

Se guardiamo alla vita in generale, osserveremo che in natura ogni sistema è “permeabile” – un sistema “aperto – ed allora, sopravvive, matura e costantemente evolve. Un sistema biologico in evoluzione è sempre intelligente, che significa adattabile, aperto alla comunicazione, di qualsiasi forma si tratti, adatto agli scambi…alla crescita.

Quando viaggiamo, oltre ad esplorare luoghi, paesaggi, natura, arte, bellezza in generale…

ciò che ci colpisce con profondità, sono le “relazioni umane”

Humans - ph. Francesco Ciccotti

Humans – ph. Francesco Ciccotti

…in questo mondo sempre più superficiale, da toccata e fuga, dove non ci diamo il tempo neppure di sentire un profumo, di percepire un suono, una musica, di gustare coscientemente un sapore, di vivere pienamente e di godere pienamente della sensualità di uno sguardo, la profondità di una parola, oppure, la delicata e allo stesso tempo intensa sensazione di una stretta di mano sono un contatto che la dice lunga su chi abbiamo di fronte.

Viviamo nell’era del “consumismo sensoriale” usa e getta…tutto deve essere consumato in fretta, per poi passare ad altro…questo ci viene insegnato viaggiando sui social, navigando da una pubblicazione all’altra, da una pagina web all’altra…da un’App all’altra…

ma fermiamoci un attimo, prendiamoci una pausa, facciamo un grosso respiro

…non usiamo male il tempo che abbiamo a disposizione e quello che ci rimane…non procediamo per modelli imitativi senza valutare se sono giusti o errati…guardiamo il mondo intorno a noi “in diretta” e non attraverso un monitor…allarghiamo lo spazio di conoscenza “diretta” e possiamo sperimentare un altro livello di realtà, più vasto e libero.

Ritroviamo i nostri ritmi interiori dove il sapore dell’essere è più dolce del sapore dell’apparire.

Le mie esperienze di viaggiatore, mi permettono di entrare in contatto con le persone e con la loro essenza…la mia anima da fotografo, mi permette di farli diventare spesso soggetti dei miei scatti.

In questo modo riesco a pieno a vivere la comunione con l’altro e al contempo, portarmi a casa la testimonianza di ciò che abbiamo condiviso.

Viaggiare ti rende felice

Viaggiare ti rende felice

Viaggiare ti rende felice.
la Natura ti rende felice.
l’Avventura ti rende Felice.
e anche la Fotografia ti rende felice…

Ma cos’è la felicità?

Noi possiamo trovarla in un paio di scarpe nuove o comprando una nuova macchina oppure una casa più grande…ma la vera felicità, spesso è qualcos’altro.
Centinaia di studi riguardo la natura hanno decretato che tra i migliori modi per sentirsi bene con il proprio corpo e la propria mente c’è il vivere e l’osservare la natura.

Ricerche fatte dall’Università della California insieme alla BBC television, hanno rivelato che

guardare documentari sulla natura possono renderti felice.

Così io e il mio amico e collega Salvatore Braca, ci siamo messi d’impegno nel portare felicità a tutti quelli che sono sensibili a connettersi con la Natura e la Bellezza, portandovi in viaggio con noi, con un pizzico di avventura e con un attento taglio fotografico.

Noi vogliamo seguire queste indicazioni, andando alla ricerca di posti intorno al Mondo dove possiamo incontrare, osservare e quindi raccontare questo meraviglioso Pianeta fatto di Luoghi, di Animali, di Piante e di Popoli.
Il nostro obiettivo, è quello di

cogliere la bellezza ovunque si manifesti.

Anche là dove non ce lo si aspetti e dove solitamente è difficile da raggiungere con mezzi tradizionali.

I principali protagonisti di questa missione, saremo io Francesco Ciccotti, fotografo e viaggiatore e Salvatore Braca, documentarista quarantennale direttore artistico di Pandataria Film, che ha realizzato per la televisione italiana ed estera. I suoi documentari sono quotidianamente trasmessi dai programmi RAI come Geo&Geo e Kilimangiaro.
Per questa impresa, ci siamo avvalsi dell’Expedition Truck che vi ho già presentato, un camion off-road attrezzato a camper, che ci permette di raggiungere località remote, a volte estreme, e di essere lì nei momenti in cui la bellezza si manifesta, senza limitazioni di orari, condizioni meteo o vincoli di lunghi spostamenti per fare rifornimenti e ristorarsi.

Il nostro compagno di viaggio, si chiama Wabi-Sabi.

Da un idioma Giapponese che descrive la Felicità come conseguenza del vivere la natura…vivere le cose semplici e godere di tutto ciò che da essa ne deriva.

La spedizione che abbiamo appena concluso e di cui vi mostreremo un breve Trailer, si è svolta nel sud della Tunisia. Un viaggio che avevamo più volte effettuato e documentato nel passato, con vari video pubblicati da RAI 3 in questi ultimi anni.

La novità di questo nuovo racconto

si arricchisce della bellezza di un Festival ai più sconosciuto, a tratti Misterioso, che si svolge nella cittadina di Douz, alle porte del deserto, dove Tribù provenienti da tutto il Sahara, dalla Libia fino al Marocco, si incontrano ogni anno per celebrare la cultura Berbera e rinnovare il loro patto non scritto, di solidarietà e fratellanza.

Il Festival delle Dune

è un festival degli usi e costumi delle tribù del deserto…una kermesse di prove di abilità guerriere, di pastorizia e di caccia, di corse di cavalli, di cammelli e di cani…di sfilate di costumi tradizionali e di rappresentazione della emozionante cerimonia di Nozze tradizionale Berbera.

Con il nostro truck ci siamo successivamente spostati nel deserto per filmare la Bellezza dell’alba e del tramonto, ma anche per documentare la vita semplice dei Beduini che vivono o si spostano nel Sahara.

Infine, ma non per ultimo in grado di importanza, abbiamo raggiunto più a sud la zona degli Ksur, antichi magazzini fortezza, con bastioni sovrastati da torrette, ora monumenti, che servivano ad immagazzinare le merci dei nomadi Berberi durante i loro spostamenti e proteggere greggi in caso di assalti.

error: Content is protected !!

Pin It on Pinterest